PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il mio paese.

Io sono nato, in un piccolo paese
costruito tanti anni fa, alle falde del Vesuvio,
dalla cima del vulcano si domina
tutto il golfo di Napoli
e nel mare si specchia la sua bellezza.

Napoli, insieme ad altre città
formano regioni con grandi pianure
ed immense distese boschive
che abbracciano montagne stupende.

Calabria con i monti della Sila,
Padana col verde della Pianura,
la Maremma con le colline è Toscana,
il mare di Venezia forma la Laguna
e Roma con le sue opere è l’Eterna
mentre Torino e Milano città industriali.

Laghi stupendi, ruscelli ridenti
e fiumi immensi
bagnano queste nostre regioni
che con l’avvento delle quattro stagioni
la colorano come un quadro d’autore,
col verde dell’ulivo e il rosso dell’arancia
della terra di Puglia e di Sicilia.

Questo paese ha la forma un po' strana,
assomiglia a uno stivale, questa è l’Italia,
ha il suo bello e il suo brutto
con la gente rumorosa,
perché se così non fosse
non sarebbe l’Italia.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Daniele Picardi il 18/09/2009 16:33
    non mi piace tanto, secondo me dovresti curare di più i contenuti e l'originalità. La musicalità, quella invece penso ci sia.
  • loretta margherita citarei il 02/05/2009 16:03
    carina, ma hai dimenticato molte regioni, ma non importa lo spirito ci accomuna.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0