PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

al mio abruzzo

Caro, caro caro il mio Abruzzo
povero il mio Abruzzo
Dolce terra profumata di lavoratori instancabili
Di persone piene di dignità
Anche tanta dignità nel dolore
Nel dolore insuperabile di vite strappate
Strappate all’orgoglio dei genitori
Strappate alla gioia di un traguardo importante
Sembra tutto troppo triste e desolante
Ma agli occhi di Dio
quelle giovani vite sono angeli scelti
quelle vecchie piene di forza
non sono la fine di una lunga vita
ma sono l’orgoglio di un futuro popolo
quelle madri che chiedono giustizia
non per il futuro dei propri figli morti ma per la vita di altri giovani
e hanno la forza di continuare a vivere
anche senza figli, senza casa senza cuore
ma per gli altri e con gli altri
questo è il mio Abruzzo
questo è l’Abruzzo caro a Dio

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Maria Teresa il 09/07/2013 10:46
    Bellissimo inno ad una regione martoriata negli affetti e nella quotidianità, ma forte nella dignità e nell'orgoglio.
    Sono abruzzese anch'io, della provincia aquilana per cui il terremoto l'ho vissuto in prima persona e so cosa è stato e cosa ancora purtroppo è.
    Grazie Fausta per questa tua poesia.
    Un saluto
    M. Teresa
  • Bruno Briasco il 05/08/2011 12:28
    Anche a noi tutti gli abruzzesi sono rispettati e amati. Prova ne è stato l'orgoglio dimostrato durante il teremoto dove avete dato lezione di dignità. Un bel brano. Complimenti
  • loretta margherita citarei il 02/05/2009 18:28
    concordo pienamente, un abbraccio da ex terremotata umbra a una sorella abbruzzese tvb

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0