PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il Dio invisibile

E mi chiedo dove sia quel Dio,
tanto raccontato nella fanciullezza,
dai cari.

E mi chiedo se stia lì a contemplarci,
senza batter ciglio
per trovare una miscela di soccorso al disastro del mondo.

Servitori o figli di Dio noi siamo?
C’è chi si avvale della facoltà di non rispondere,
chi, invece, risponde.

Siamo peccatori, non siamo, perciò, figli di Dio?
I padri perdonano,
sarà, Dio, un padre iniquo?

“leggete la parola di Dio”
che non ha firma…aggiungerei;
tutto ciò non mi convince.

Desidererei saperlo,
com’è questo Dio invisibile,
perché non compare?

Sarà forse colui che fa miracoli?
o un signore che si limita a dirigere?
Avrà i denti bianchissimi, o i capelli ancora neri?

Il paradiso,
l’inferno,
due bilance con due pesi diversi, antitetiche.

Troppo esibizionismo,
i preti ballano,
se ne rendono conto?

L’altra faccia da non so che,
che guarda dalla televisione
e implora pace.

Non potrebbe farlo,
lui è sintomo di non rispetto,
di non uguaglianza.

Un po’ di libertà per ciascuno di noi,
penso che Dio vorrebbe questo,
non discriminazioni mefitiche.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

15 commenti:

  • vasily biserov il 20/03/2010 19:22
    hai ragione... non è questo teatrino che Dio avrebbe voluto... condivido!!
  • Dolce Sorriso il 03/07/2009 14:41
    è sconcertante e profonda questa poesia
    piaciuta
    smack
  • Chiara Savazzi il 23/05/2009 13:06
    sarò anche stupida nel dirlo... ma non apprezzo molto i commenti negativi
  • Nicola Saracino il 22/05/2009 00:35
    Commento l'espressione nella sua forma, non il merito delle idee religiose e dei giudizi espressi. È prosastica, sembra il testo di un monologo teatrale, brutto e sconnesso. Eppure... vi scorre un anelito di libertà, puro e sincero, che non teme di esporre le contraddizioni e le imperfezioni del pensiero. Ed io lo apprezzo molto.
  • Ugo Mastrogiovanni il 08/05/2009 15:33
    Quel Dio “in dubbio” fino al verso 33, dal 34 al 36 incluso, ultima terzina della poesia, dimostri di conoscerlo anche troppo bene, asserendo che non dovrebbe permettere discriminazioni corrotte e prepotenti. Conoscendo la tua età, ti dirò che i primi 33 versi mi hanno rattristato, ma gli ultimi hanno riproposto folgorante la tua intelligenza ed è su quella che devi contare. Non voglio entrare nel merito del tuo credo, io mi interesso di critica letteraria e per questo desidero rimanerne fuori. Posso soltanto dirti che i tuoi scritti mi piacciono, le tue idee meno, ma alla tua età, per dirla col le parole di Orazio < Dulce est desipere in loco>. Auguri, figlia mia, e il Signore ti illumini.
  • Chiara Savazzi il 08/05/2009 14:54
    Grazie vi... kiss^^
  • Vincenzo Capitanucci il 08/05/2009 14:53
    Bravissima Chiara...

    non discriminazioni mefitiche...
  • Chiara Savazzi il 08/05/2009 14:05
    Forse il mio cuore lo apro anche troppo spesso..
  • Anonimo il 08/05/2009 13:53
    "Padre, perchè mi hai abbandonato?" Gesù così urlò sulla croce. Non preoccuparti, tu non sei più lontana da Lui più di chiunque altro. E Dio, è vicina a te come a qualunque essere umano. Nel momento che hai un'attenzione, una buona parola per qualcuno, è come se lo facessi a Lui. Ed è solo questo che vale. Apri il tuo cuoricino e fa entrare il su Amore.
  • Chiara Savazzi il 06/05/2009 20:15
    Vi ringrazio per i vostri commenti... mi fanno sempre molto piacere... spero di essere, un giorno, convinta dell'esistenza del mio Dio invisibile...*___________* bacini bacetti.
  • Giuseppe Bellanca il 06/05/2009 15:48
    Chiara, hai scritto una bella poesia, ma hai dimostrato che Dio esiste, se non lo avessi così vicino a te non ne sentiresti bisogno di parlarne, quindi a parte la poesia che mi piace molto ti dico stai tranquilla Dio ti ama e ama tutti noi dobbiamo solo aprire gli occhi ed il cuore.
  • augusto villa il 06/05/2009 09:09
    I preti non sono Dio...
    Dio è il nostro padre e creatore... e non il nostro maggiordomo...
    Sta nel cuore di ognuno di noi... e molto spesso... quando ci parla... gli mettiamo un fazzoletto i bocca... e lo chiudiamo nelle segrete...(del nostro cuore)...
    Insomma... lo mettiamo in croce ogni giorno... perchè scomode sono le sue parole...
    Seguirlo è un'impresa... ardua... ma alla lunga, la cosa porta i suoi frutti... Non materiali, ma sicuramente giovera' al nostro spirito.
    La pace che Dio ci dara' non è di questo mondo...
    Infatti Dio è pace... mica gli uomini... Gli uomini parlano troppo... e agiscono poco (nel bene)...
    Dai... coraggio!... sisi... ecco che ci vuole!... Coraggio!
    Noi uomini siamo così pieni di noi stessi... che riusciremo a comprenderne il mistero... solo al Suo cospetto...
    Complimenti per le riflessioni e i quesiti posti... e che spesso mi sono posto pure io... anni fa... Ben scritta!!!... Ciao Ciao!!!...
  • Chiara Savazzi il 05/05/2009 21:07
    Grazie anto...*_____* kiss
  • antonio castaldo il 05/05/2009 21:06
    bravissima. mi è piaciuta e... me la tengo!
  • loretta margherita citarei il 05/05/2009 15:57
    è nei nostri cuori, piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0