PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Malato d’Infinito drogato

Zoppicando
traballando

rovesciando ceppi di idoli nelle fiamme

cammino in verticale scalando il mio impervio solitario camino

crepitanti argentei ulivi mossi dal vento

moventi morenti
ribelli
in ascendente discendente
caldo freddo calore

palpitante tremore del Cuore

in movimenti
d’orizzonti altalenanti aldilà del dolore

braci di fuoco in anelli aspirati di fumo ispirati

verso il mio essere vero
di rossa scintilla innamorata del Sole

sfolgorante rosa d’aspirante caldo colore

d’immenso universale Amore

splendente nella tenebrosa notte rosa dal vento

riscalda rischiara l’Io

in una chiara sacra cappa
fra lingue infuocate d'infinito cielo brucia l'oscuro mantello

l’incapacità di saperti veramente Amare

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • augusto villa il 07/05/2009 14:51
    ... al di la del dolore... di non poterti/saperti amare...
    Bellissima... complimenti Vincenzo!!!
  • Anna G. Mormina il 05/05/2009 17:33
    "... palpitante tremore del Cuore..."
    ... e paura di non saper veramente Amare... bellissima!
  • Anonimo il 05/05/2009 14:23
    Toccante e vibrante... altre parole sono sprecate... Complimenti!
  • Anonimo il 05/05/2009 14:19
    troppo... troppo... bella!!!
  • Silvia Lodini il 05/05/2009 14:05
    grandissimo! sul serio, è bellissima
  • Anonimo il 05/05/2009 13:36
    Capolavoro.
  • cesare righi il 05/05/2009 13:32
    super da me e... Catiamia

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0