PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Farfalle...

Dipese tutto
dall’attimo di piombo e poi
il colpo di pistola calibrato e preciso
soffiò caldo sul collo
di un cuore indifeso

Eri davanti a me
nella maestà suprema del tuo sangue,
eri compatto e irremovibile
come una cascata di sensi nella tua calma
apparente…
Eri
diversamente instabile nel cibarti del mio fiato,
come silenzio doveroso e imposto
e compassato e conico e vertiginoso

Sei….
L’oceano immane e potente
nell’ingoiarmi gli occhi
e l’anima gemente,
nell’entrare immediato come
unico intenso istante
nei miei
e mischiarti come sempre
alla mia pelle fremente

Dimmi ancora
quelle parole,
dammi ancora l’irrequieta pace
nei sensi che ad altro labirinto
non ambiscono,
ma che si ingegnano invece
nel ricamo del tuo concetto

Vibri nelle ossa,
scorri nella mente
e non ti prendo tra le mie braccia,
ma esse creano un cerchio stretto
e quella spira soffoca il mio palpito
e quel sole acceca piccole farfalle
annidate nel mio stomaco impotente

Contaminata
dal sonno velenoso,
dalla ragione del tuo immenso,
dal gelatinoso forse che aleggia lieve
e graffiante nel mio stomaco,
Ti amo
e riempio piccole fessure al marciapiede
con pietre minime,
seduta
al fresco cospetto
dell’ombra
della tua Voce…

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • laura cuppone il 08/05/2009 22:59
    seeeeeeee... l'ape maya!!!

    talpa!
    tvb
    Lau
  • augusto villa il 08/05/2009 22:56
    Vola vola volaaaaaaaa!!!
  • laura cuppone il 07/05/2009 23:16
    il mio stomaco ringrazia.. e il mio cuore.. vola.

    grazie a tutti
    Laura
  • Dolce Sorriso il 07/05/2009 09:51
    sono sdaccordo con Augusto è bellissima
    smack
  • Fabio Mancini il 06/05/2009 23:43
    Sublimato dai tuoi versi, oltre che dalle tue mani... Ciao, Fabio.
  • Fernando Biondi il 06/05/2009 21:54
    seduta al fresco cospetto dell ombra della tua voce, una frase originalissima come bellissima è la poesia un abbraccio, fernando
  • Anonimo il 06/05/2009 14:24
    Validissima.
  • augusto villa il 06/05/2009 14:14
    È così bello sentirle quelle farfalle... nello stomaco e nel cuore... ed è bello starsene all'ombra... a riempire le fessure del marciapiede... con i sassolini...
    Vanno bene anche quelli che ogni tanto ci togliamo dalle scarpe...
    Sì è vero... è una lama... Una lama che taglia il cuore e lo stomaco... liberando farfalle... Adire che è bella è dire poco... Complimenti Fatina mia!!!
  • Anonimo il 06/05/2009 13:38
    dall'aleaatorietà del titolo a una scrittura diretta che incide come lama.
    molto bella
  • Giuseppe Bellanca il 06/05/2009 11:12
    Stupenda poesia intensa. brava
  • Anonimo il 06/05/2009 11:03
    È spledida davvero... sei sempre più brava!
  • Donato Delfin8 il 06/05/2009 10:35
    bellissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0