accedi   |   crea nuovo account

Un pensiero per colui che non si è mai dimenticato di nessuno.

Per l’amico dei giovani e dei bambini tanto cercati e amati fin sul letto di morte.
Per il fratello degli ebrei a cui ha offerto la sua mano santa come segno di unione tra popoli.
Per il leader che non si è mai tirato indietro e non ha mai nascosto la sua voce sfidando con la legge dell’amore i potenti del mondo.
Per il sofferente tra i sofferenti con i quali ha portato la croce sul cammino del calvario.
Per lo sportivo che ha trovato Dio sulle nevi e nei boschi.
Per il viaggiatore che si è fatto cittadino del mondo amando ogni terra da lui visitata come fosse sua.
Per il papa degli atei stetti nel suo abbraccio e amati con quell’amore di cui solo lui era capace.
Per il papa di tutti coloro che credono nel proprio Dio, di cui lui ha sposato essenza, forma e colore.
Per Karol Wojtyla, un sacerdote polacco, figlio di un popolo che ha reso orgoglioso.
Per l’uomo senza voce che ha continuato anche solo nei gesti a ribadirci la forza di Dio che lo rendeva presente fra noi.
Per il padre di cui ci sentiamo orfani.
Per Giovanni Paolo II che ha intrapreso il suo ultimo viaggio non verso un freddo sepolcro ma verso un posto d’onore dal quale continuerà a sorriderci.

 

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 07/05/2009 08:11
    bellissima manu, mi chiedo perchè non me le hai fatte leggere prima ^^
  • loretta margherita citarei il 07/05/2009 06:56
    adoro ricordarlo, l'ho sempre nel cuore brava

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0