accedi   |   crea nuovo account

Il volo

Tu non hai paura della strada il vento ti accompagnerà.

De noche te vas en el Silencio él que no para de hablarte,
como una guìa que te conseja dulcemente
huir del peligro asasino hacia tu paraìso
divino. Donde està tu mundo?
Espero que Alguien te protejes de verdad.


Di notte Pisa brilla di luce
non propria
il velo oscuro la avvolge

dai motori metallici
un rombo
accende la luce fioca
che la rischiara

all’improvviso
una foschia misteriosa
appanna i miei occhi di rugiada

Volo, Volo, Volo ……..
non capisco dove sono
Italia? Spagna? Irlanda? Francia? Inghilterra?


Mi tappo gli occhi con le mani e penso:
“Già mi mancate. Di verità mi siete sempre mancati! ”
“Il mio amore per voi non svanirà mai! ”

Vago, Vago, Vago...
sola lungo la strada del cielo.
Non so dove sono e penso:
“L’orsa maggiore mi proteggerà”- il mio angelo custode.

Magari sto solo sognando. L’alba risorgerà di nuovo.
Sorrido.

Volo, Volo, Volo……….
e atterro.

Si. Sono atterrata su un manto d’erba floreale.
Dove sono?

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 08/05/2009 06:57
    En una Flor... de luz... andalusa...
    Meravigliosa Arianna... seguendo il tuo filo di luce... si esce dal labirinto... con il minotauro a braccetto...
    siamo protetti...
  • antonio castaldo il 08/05/2009 06:06
    ... si tra l'inconscio e il reale... i tuoi luoghi e... tutto molto bello.
    complimenti! kiss.
  • Anonimo il 08/05/2009 01:28
    Bella la metafora del volo inteso come viaggio introspettivo... piacevole il gioco di ambiguità tra luoghi fisici e luoghi dell'anima. Complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0