accedi   |   crea nuovo account

Uno specchio pieno di dolore

Opaco specchio bramo
di dolore

chi è il più brutto del re-a-me

seguendo una piccola bara
rifletto su un riflesso di me stesso

bianche colombe
seppellite sotto un cielo nero

un velo copre gli occhi
orbite nutrite da ossi spolpati
di scheletriche spose denutrite
picchiate violentate
derubate in Vita

bambini mai nati
minati
spappolati
in mortali pappe
nel labirintico disumano cervello del nostro tempo

pance gonfie d’aria mosche negli ombellichi a succhiare quella poca energia di vita rimasta

se il gioco finisse oggi sarebbe un grosso pachidermico guaio

salterebbero i primi della classe ed i secondi minuti seguirebbero a ruota in ore di giorni di tragiche settimane in mesi d’anni di lustri secoli consumati da millenni bui

condannati
a disperata morte

Tutto sarebbe perso in un quasi Nulla di fatto in frantumi i Sogni

il tempo dell’Amore Fato di fortunato donato Amore in gratitudine ed in ingratitudine per noi

è infinito

non giochiamoci tutta la nostra vita in troppi drammatici alberi di sempre eterni

però

 

2
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Donato Delfin8 il 11/05/2009 11:39
    piaciuta
  • Anonimo il 09/05/2009 19:41
    .. e' cruda e' vero.. ma questi sono gli orrori della nostra societa'.. guerra.. violenza
    fame.. una continua quasi inesorabile caduta in basso... se dovessi dipingere
    un quadro sarebbe un mare nero con due mani rosse che tengono stretta una spiga
    di grano.. e fanno volare due colombi...
    bravissimo Vincenzo
  • Fabio Forlivesi il 08/05/2009 14:22
    Il partire dall'incipit fiabesco scivolando negli orrori della moderna società (credo sia questo il messaggio; guerra, disillusioni, fame, violenza ecc...) è interessante e conferisce all'opera il senso di discesa rapida nell'abisso; ma alcuni termini sono di una violenza forzata: spoappolati in mortali pappe, per fare un esempio, e finiscono per ofuscare la violenza stessa del componimento, annullandone in parte l'effetto.
  • Dolce Sorriso il 08/05/2009 13:24
    cruda realtà decditta con precisione.
    Un po' forte ma vera
    piaciuta
    smack
  • claudia checchi il 08/05/2009 10:54
    molto intensa!!! mi è venuta la pelle d'oca.. bambini nati minati spappoloati.. condannati a disperata morte.. ciao vincenzo.. un saluto claudia.
  • Anna G. Mormina il 08/05/2009 10:06
    ... e grazie!
  • Anna G. Mormina il 08/05/2009 10:04
    ... siamo umani... i 'però' e i 'se'... giocheranno sempre nella nostra vita... senza cattiveria, in noi c'è egoismo... guardiamo chi sta bene, soprattutto finanziariamente... "... beato lui"
    ... ma dovremmo guardarci indietro, no, dovremmo guardarci intorno e forse, qualcosa, in questa umanità piena di sofferenze e di dolore, potrebbe cambiare!... Bravo Vincenzo, perchè sei 'costante' nel proporci queste poesie riflessive! *****
  • loretta margherita citarei il 08/05/2009 07:10
    alcune frasi sono crude, per una realtà cruda. bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0