PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Altri...

Bastò dormire per svegliare
bastò vedere per scegliere
bastò davvero questo per considerare
bastò amare per non più volere

Sapere d’un tratto che scorrere
ha minuti e secondi e anni
non trasportarsi più
nell’acqua torrenziale
ma guardarla scorrere
senza una vela
senza isole d’appiglio
così
acqua e basta

Bambola dalle stesse fattezze
parole dalla stessa bocca
e forse nel considerare
tutto
un tutto della stessa sostanza

Ti ho perduto
mentre sei di fronte al lume psichedelico
e non vuoi più scegliermi
ma solo guardarmi
per ricordare inseguitori e prede
scogliere impadronite
pellicce sfocate
nell’ultravioletto cuore

Verde acido
gettito di bile
vedo fuori dalla camera
operatoria
dove hai ricoverato la mia sorte
e sezionato i miei pezzi
impoveriti di te

È solo carne la mia
per te ora
solo due occhi
come tutti gli altri
come tutti gli
altri…

 

1
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • augusto villa il 11/05/2009 10:26
    Chirurgia dell'anima a cuore aperto... Per fortuna siamo in "chirurgia"... e non in "anatomia patologica"... Una grande anima non muore mai...
    Dall'amarezza di questo scritto... nasce il germoglio della rigenerazione...
    Bella, brava Laura. Poesia ben scritta... ed intensa... Ciao... Anima Spettacolo!
  • laura cuppone il 10/05/2009 14:56
    eh si... dolce... no comment..

    grazie
    ti adoro
    Lau
  • Dolce Sorriso il 10/05/2009 14:32
    Laura...
    ...
    ...
    un abbraccio
  • laura cuppone il 09/05/2009 13:16

    chirurgia dell'anima
    a cuore aperto..

    ciao loretta..
    grazie
    Laura
  • loretta margherita citarei il 09/05/2009 13:07
    questi amori che ci operano e ci straziano, bella
  • laura cuppone il 09/05/2009 12:42
    in 3 minuti e di getto..
    nessuna difficoltà
    come fissare un fotogramma..
    e non veder sangue
    ma sentire il freddo dell'acciaio
    uscire dalle costole...
    inevitabile... come
    lo é stato
    farlo entrare...

    ciao Fabio
    sei dolce
    grazie
    laura
  • laura cuppone il 09/05/2009 12:40
    non é il rispetto... ma solo... la discesa di una parabola.. come il passaggio di una stella... scie... scie.. e ricordi..

    ciao Giuseppe
    grazie!
    Laura
  • Fabio Mancini il 09/05/2009 12:13
    Triste, ma molto bella. Penso che sia stato anche faticoso, doverla mettere per iscritto. Un bacio cicatrizzante. Fabio.
  • Giuseppe Bellanca il 09/05/2009 11:47
    Triste realtà di un amore sofferto e lasciato da parte da chi è abituato a non rispettare il sentimento altrui... Bella... Brava Laura...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0