accedi   |   crea nuovo account

Teorema matematico

Io e te,
il nostro amore?
Un magnifico
triangolo retto,
dove noi due, cateti
congiunti nell'incontro,
tracciamo la terza linea
che ci unisce.

Ed il bacio,
amore mio,
altro non è
se non l'ipotenusa
di quel triangolo
che partendo
dalle nostre labbra,
interseca il cuore
all'amore.

 

1
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Donato Delfin8 il 11/05/2009 12:39
    bella
  • augusto picci il 09/05/2009 17:54
    Sei sicura che anche Pitagora la pensasse in questo modo?
  • Silvia Lodini il 09/05/2009 14:37
    O. O ... nonostante la mia repulsione per la matematica mi è piaciuta. bella ^^
  • Marcello Caloro il 09/05/2009 14:00
    Non si può definire un assioma ma in amore è tutto concesso. Ciao.
  • laura cuppone il 09/05/2009 13:19
    la precisione dei numeri
    combacia con il caos
    dell'amore
    perfettamente
    anche se poi
    c'è il resto
    e l'applicazione
    é quasi
    incalcolabile...

    ciao loretta...
    bacio!
    Laura
  • Fabio Mancini il 09/05/2009 12:31
    Hai dimenticato l'ipotenusa. Forse però tu parli di geometria. Se vogliamo parlare di matematica applicata, allora: uno più uno, uguale tre. Due diviso due, fa due a lui e mezzo a te. Non ti sembra? Ciao, Fabio.
  • Anonimo il 09/05/2009 12:01
    Bella alchimia... sei grande Lory!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0