PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Come il niente

Come in gabbia,
chiusa nel mio timido tremor,
mi feci male al sole
sfiorando le labbra tue.
E come se l’albero in fiori appassisse,
in piena primavera,
e non seppi più rispondere se fosse vita vera.
Come riflessa nello specchio dei tuoi pensieri,
e il giusto sfugge all’animo fragile e tenue.
E come un cielo apparvi al mondo,
nuotavo nell’aria e ingoiavo le paure.
Come il niente oscuro e bianco,
mi nascosi nella luce,
e lo sbaglio sentivo ormai
come un cuore zuppo di follia.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 15/12/2013 02:12
    apprezzata, complimenti.

2 commenti:

  • Anonimo il 14/03/2010 13:41
    Descrivi in maniera perfetta il caos che si può creare nella mente quando essa si trova a sopportare troppe emozioni. Molto buona, questa poesia!
  • loretta margherita citarei il 10/05/2009 07:54
    un amore che delude, piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0