accedi   |   crea nuovo account

Ricordi in sogno

Passeggiando nei sogni ho scovato,
smarriti da un bimbo distratto,
balocchi ormai vecchi e ad un tratto,
a giocare mi son ritrovato.

Con la bilia, lo spago e una ruota
inventavo pirati e velieri
e senza più opprimenti pensieri,
la mia mente vagava ora vuota.

Ritornava a quel giorno lontano,
quando avevo sbucciato un ginocchio,
una perla sgorgava dall’occhio
e la mamma mi teneva per mano.

Ora quando la vado a trovare,
per portarle un bel fiore di prato,
non dimentico d’esserle grato
e vorrei quella mano baciare.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • luigi de rosa il 16/02/2011 03:24
    Una poesia limpida e musicale dai versi esatti.
  • Anonimo il 03/06/2009 09:55
    Complimenti!
    Emanuela
  • Fiscanto. il 01/06/2009 20:36
    Un figlio rimane sempre il bambino di sua madre. Bella l'immagine pascoliana del fanciullo che è dentro di noi.
  • Anonimo il 23/05/2009 10:44
    Quanto amore nei tuoi versi.
    L'amore materno, indelebile, incondizionato...

    Ciao
    Monica
  • Cinzia Gargiulo il 21/05/2009 19:50
    Puoi ancora baciarle la mano Marcello, fallo. Io la mia mamma l'ho persa sei anni fa e mi manca il non poterla più abbracciare anche se vive nel mio cuore.
    Bellissima poesia.
    Baci...
  • Shabui. il 18/05/2009 20:18
    Delicata e passionale. Dolce e commovente.
    Così unico l'amore, il ricordo e l'immagine che ognuno di noi tien nel proprio intimo della propria madre. Adoro leggere delle mamme. Mi commuovo. Come mi commuovo a pensar alla mia, a pensar quanto amore mi concesse. Da sempre. Per sempre.

    Un Saluto.
  • Anna G. Mormina il 16/05/2009 21:46
    Macello, perchè non provi a baciargliela la mano?... ne sarebbe felice!... bellissima davvero!... bravo!
  • Sarah K. il 16/05/2009 19:54
    molto dolce!!!
  • Marcello Caloro il 13/05/2009 16:54
    Ringrazio tutti e vi racconto:
    mia mamma, che gode a tutt'ora una discreta salute, quando a letto questa poesiola, ha chiuso la mano a pugno lasciando sporgere indice e mignolo; non ho mai capito il perchè di quel gesto... Eheheh! Ciao. Mar.
  • Donato Delfin8 il 11/05/2009 12:55
    bellissima
  • Vincenzo Capitanucci il 11/05/2009 09:40
    Bellissima... Marcello... pirati e velieri... portanti... un ricordo... un tenero fiore di Campo...
  • Anonimo il 11/05/2009 00:00
    Bellissima piena di ricordi.
  • loretta margherita citarei il 10/05/2009 13:58
    il gioco, stempera la mente, rievoca antichi ricordi, ed un grande amore materno, bellissima
  • Anonimo il 10/05/2009 13:08
    Che dolce Marcello... commovente!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0