PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Uccelli...

Uccelli,
come angeli,
mai visti prima,
volteggiano
nel cielo di primavera.
Uccelli
venuti da lontano
svolazzano rumorosi
sulla città
scossa
dal fardello
di un terremoto
pauroso e tremendo.
Sui bimbi piangenti,
sulle mamme affrante,
per i figli perduti,
sulla povera gente,
nell’aria
squarciata
dal dolore,
si cala
uno stormo
d’amore
come un manto,
di speranza,
mandato da Dio.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0