accedi   |   crea nuovo account

[Senza titolo]

Mi scarnifica il cuore
questa maledetta solitudine.
Di notte,
come lupo randagio,
ulula alla luna,
è tempesta, burrasca
che scuote il mio io
più profondo.
Come se avessi attaccata
alla pelle,
una maledizione,
sento la rabbia infinita
rodermi le carni
e non mi basta sognare
due labbra da baciare,
per risvegliarmi poi, sola,
nel crudo mattino.
Se anche il sogno mi è negato,
ricerco,
tra i volti di amati angeli,
il tuo viso, Amore
e fuggire poi lontano
da un'apatica nostalgia.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Donato Delfin8 il 14/05/2009 12:54
    Piaciuta
  • Anonimo il 11/05/2009 18:19
    Bella Loretta, la solitudine è quella belva che ci assale e graffia.
  • Anna G. Mormina il 11/05/2009 15:59
    ... maledetta solitudine,... apatica nostalgia... spero per te, siano solo ricordi del passato...
    ... struggente e bella!!!
  • ANNA MARIA CONSOLO il 11/05/2009 15:35
    se le insonnie ci ispirano... ben vengano... sono sempre amate!
    Ciao, Anna
  • Vincenzo Capitanucci il 11/05/2009 13:57
    Un lupo randagio... divora il mio cuore... in cerca... del suo... infinito... Amore...

    Bellissima... due labbra... un viso... fra gli Angeli...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0