username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

il mare

Dalla riva, scruto,
il tuo fine immaginario
mentre sento udire,
l'infrangersi delle onde
sull'umida spiaggia e
ritirarsi nel suo secolare letto,
lasciando scoperti, piccoli esseri,
indaffarati
a cercare il loro mondo sommerso,
straordinariamente affascinante,
pieno di vita apparentemente tranquilla.

Quando ti senti arrabbiato,
lanci a noi esseri umani
percettibili e forse folli segni,
di naturale irrequietezza,
assomogliando
a qualsiasi sovrano,
intento,
a redarguire i suoi sudditi.

Come non amarti, reale bellezza
di questo mio viverti vicino
ed ogni tanto
chiamarti per nome
mio amato mare.

 

2
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Fabio Solieri il 11/12/2014 16:56
    Il mare tanto amato tanto bello e anche selvaggio e tempestoso

  • sara rota il 19/06/2007 20:51
    Il mare e le nostre paure... Bella.
  • NICOLA RICCHITELLI il 11/05/2007 17:38
    bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0