PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Clik!

Non presto attenzione
a quelle voci innaturali,
confuse che
la scatola di vetro
vomita
tutte le sere.
Obbligata ad usare i sensi
in gesti che non voglio
costretta da chi ha vissuto un giorno
nel deserto
e poi tornare
per ascoltare e per vedere.
Ascolto ciò che non aspiro udire,
guardando ciò che non voglio vedere.
Eppur sono solo ad un passo
nel toccare il tasto
per bloccare l’avanzata del progresso.
Chiudi la tua bocca quadra!
Se non sai più dire
quanto la vita è bella
ingurgita nello stomaco tutte le tue verità,
trattienile e fanne bolo:
click!

 

1
7 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 12/02/2013 09:43
    ... molto originale,
    ben scritta, col giusto ritmo,
    complimenti...

7 commenti:

  • Sarah K. il 03/11/2009 11:47
    Vero. Mi piace!!!
  • Ugo Mastrogiovanni il 27/07/2009 19:33
    Molto originale, armoniosa e graditissima.
  • Massimo Tusa il 28/05/2009 08:15
    Ciao, volevo scrivere un commento, invece, in risposta, ho pubblicato una poesia "Buon clik a tutti".
    Baci
    Max
  • Donato Delfin8 il 14/05/2009 19:24
    concordo!
  • Anonimo il 13/05/2009 18:07
    I messaggi che invia la televisione sono cosi vuoti e sciocchi, falsi e ipocriti.
  • Anonimo il 13/05/2009 16:59
    La tv bisogna trattarla come una medicina, se se ne abusa il risultato può essere dannoso.
    Cogliamone il buono quando c'è e facciamone tesoro... non tutto è spazzatura.
    Semplice e concisa, ma diretta al punto.
    Un saluto Lisa
  • loretta margherita citarei il 13/05/2009 16:52
    concordo la tv è diventata uno strumento che evidenzia il decadentismo reale in cui viviamo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0