PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ricordi

Stupore nel profondo azzurro del tuo cielo senza limiti
talmente vasto da perdersi nell’utopia di un improvviso
pensiero d’amore.
Calano le ore, segnate da vivide illusioni,
sciamano i riflessi della luna
sulla pallida volta della tua veglia disperata.
Mai amore venne così improvviso a trascinarti via,
mai dolore fu così acuto
da palesare l’onda lunga e devastante delle tue paure.
Ricordi di un tempo effimero e violento
Si schiudono a quest’ ultimo atto di realtà trasognata
Mentre il ciclo si rinnova ed è già primavera.

 

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 31/10/2016 00:29
    bellissima... complimenti.

1 commenti:

  • TIZIANA GAY il 15/02/2008 12:52
    a volte dei pensieri d'amore sono così intensi da sembrare utopie.. bravo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0