accedi   |   crea nuovo account

Ironia della sorte

Il mare non è per chi ha ragione:
soltanto una distesa d'acqua
minacciosa
o accogliente,
d'estate specialmente.

Ironia della sorte,
leggiamo le fiabe,
ma la ragazza buona
sa il fatto suo.

Neve che scende
come crisalide
dietro la tenda
dei vermi.

Chi sa cantare
la canzone più pop della notte?

Ti aspetto...
sotto la pioggia...
Forse avrei...
dovuto chiamarti?
Ma le mani sono catene,
spire di serpe,
molla che balza...
E gli alberi scorrono...
e il guardia rally
e le zolle
nere
e la mia mano
giù.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 27/05/2009 02:06
    atmosfera gelida come un giorno di pioggia con la consapevolezza di non riuscire a spezzare quelle catene che ti impediscono di vivere le tue emozioni
  • Anonimo il 16/05/2009 14:55
    Sono d'accordo con Laura... mi sembrano proprio parole per una canzone...
    Bravo davvero.
  • Anonimo il 16/05/2009 14:20
    Neve che scende
    come crisalide
    dietro la tenda
    dei vermi.
    ... questa... è spettacolo!!!!!
  • laura cuppone il 15/05/2009 15:31
    ironica... davvero
    nella miscellanea di spettri
    e sensazioni contrastanti

    a volte spire bloccano
    e l'attesa prende nuove forme...


    mi piacciono le atmosfere che sai creare..

    dovresti scrivere canzoni.

    Laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0