accedi   |   crea nuovo account

Rifugio per Anziani

Nel silenzio di quella casa
vi era Solitudine
fredda, tangibile,
tua unica compagnia.

Con lei parlavi, soffrivi,
lentamente ti spegnevi.
Fugaci incontri,
frettolose le parole:
come stai, ciao, devo andare,
ti sfioravano senza soffermarsi.

Forse erano troppi i ricordi?

I tuoi lamenti li cantavi
al nulla,
le tue paure erano quadri appesi
ad una parete anonima.

Nemmeno i dolci ricordi
della tua lontana giovinezza
scioglievano quel gelo.

Fu in quel tuo lento regredire
in quei tristi occhi
ormai avari anche di lacrime,
che trovai la forza di cercare.

Nulla potrà mai ripagarmi
della gioia, ora, di vederti
ragazzina, nuovamente viva,
tu persona tra persone,
rivestita di una nuova dignità,
pronta a dispiegare quelle ali
che ti porteranno altrove

 

0
8 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 31/07/2015 12:18
    Un plauso sincero per questa tua eccelsa!
  • Verbena il 07/10/2014 10:32
    Bellissimi versi, puntuali ed attenti sulla tristissima realtà che si avvicina all'abbandono della vita. Sono i momenti in cui la riflessione recupera il valore di ogni avvenimento vissuto, fino dalla prima età quando la giovinezza è protetta dal pensiero amaro che debba finire un giorno. Complimenti.

8 commenti:

  • Nicola Saracino il 16/05/2009 13:22
    In quegli occhi, hai visto l'ora zero-zero... e l'hai vista quando ancora parlavi di Solitudine e pareti anonime. Nicola
  • Anonimo il 15/05/2009 18:46
    Super, Cesare è magnifica.
  • Fabio Mancini il 15/05/2009 15:25
    Un argomento serio trattato con sobrietà e sensibilità. Ciao, Fabio.
  • Vincenzo Capitanucci il 15/05/2009 14:38
    Stupenda Cesare... sensibilità e dignità...
  • Kiara Luna il 15/05/2009 14:16
    Essere persona tra persone... diritto di tutti soprattutto nell'ora del tramonto, quando invece pochi sono considerati tali e lasciati parcheggiati comodamente a debita distanza.
    Delicata e stupendamente struggente, grazie Cesare.
  • Anonimo il 15/05/2009 13:21
    .. Cesare.. e la piu bella poesia letta oggi.. argomento trattato
    con una delicatezza incredibile..
    Bravo davvero
  • Cinzia Gargiulo il 15/05/2009 12:58
    Poesia molto delicata che tratta un tema che ci riguarda tutti.
    Bravissimo!
    Un abbraccio...
  • Anonimo il 15/05/2009 12:51
    i miei complimenti... argomento difficile trattato con toccante sensibilità... leggendo mi è venuto un groppo alla gola... davvero bravo... poi la finezza... Solitudine con la maiuscola... finezza per intenditori

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0