PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il canto del mare

Onde che sapevano
hanno sciolto e rimosso,
supino ho ascoltato
la voce della risacca.
Occhiaie misteriose
mi parlavano d’un dolore atavico,
come di un mare scuro,
coi suoi insondabili segreti.
Chissà quando una luce
guiderà le nostre mani,
nell’intreccio delle trame,
a scandire il lieve mento
delle palpebre.
O sole accendi le mie acque!

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Anonimo il 08/09/2009 08:55
    Adoro qs poesia. M
  • Anonimo il 18/05/2009 21:33
    Complimenti! Emy
  • Anonimo il 17/05/2009 10:41
    Il mare col suo canto unico quanti miei segreti raccoglie, come amico silenzioso e discreto... Bellissima. Monica
  • Anonimo il 16/05/2009 08:47
    .. e nelle onde lente e silenzione vanno i pensieri dipingendo i colori
    della malinconia.. e profonde sensazioni mi rapiscono...
    molto bella Fabio
  • Vincenzo Capitanucci il 16/05/2009 08:30
    Bellissima Fabio... l'eternità... è il Mare... mescolato al Sole...
    oh stagione oh castelli... quale anima è senza difetti...
    mi hai scatenato una crisi... di A. R...
  • Anonimo il 16/05/2009 01:04
    Per me, che amo il mare, questa poesia mi trascina nelle sue onde, in quel azzurro scuro, custode delle mie malinconie.
    Bella Fabio
    complimenti
    ciao
    Angelica
  • Anonimo il 15/05/2009 18:36
    Bella, sempre bravo Fabio.
  • loretta margherita citarei il 15/05/2009 17:22
    oggi mi sei piaciuto
  • laura cuppone il 15/05/2009 16:14
    sensuale e profonda..
    cangiante
    come
    una
    marea...
    piaciuta!!!!

    un abbraccio Fabio

    Laura
  • cesare righi il 15/05/2009 14:47
    Piaciuta, mi piace pensare ai ricordi delle onde: onde che sapevano, onde messaggere

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0