accedi   |   crea nuovo account

Mimma

Dal fondo delle tue discese
di capelli a perpendicolo
di tempra e lucentezza bronzee
come gomene di vascello
scruto altezze e sentieri
intrecciati o mossi
da parole e sorrisi d’alisei

abbaglio arrampicate
e salite a sorpresa
su fenditure pulsanti
di cuore o fra tornanti
e rapide di arterie
come autostrade scagliate
verso il tuo cuore

inforco svolte alla cieca
di gomiti marmorei
e ginocchia che Fidia
in visione estatica sognò
di rosa tinti o paonazzi
da fiaccole d’alba
o accarezzamenti di rosai
o trasvolate di organze
di malve fiammanti intessute

su labbra di porpora
come terrazze coralline
nel vuoto sospese
mi sollevo e respiro
aria azzurra di cielo ed annego
l’ultima scaglia di senno
nel verde lago dei tuoi occhi

l’eco del mio amore dissennato
mi torna appresso in cerchi perfetti.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0