PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Fratello

Cosa rimane del guerriero, stratega dell’intelligenza,
eletto per genio e per impegno, credo di zelo e conoscenza
quando infermità prevale?
Depone lo scudo e il destriero; serra le porte all’arsenale
e cede al giogo.
Torto il corpo, irrigidito, fisso lo sguardo della resa,
vuoto e intimidito tace.
Il ring, l’arena, la sua impresa: un giaciglio di gomma come brace,
in ridotto recinto casa e tetto.
Due tubi di metallo per testate, due sbarre in legno alle fiancate,
candide lenzuola profumate e noi ai piedi del tuo letto,
passivi, e più capaci a niente, aggiorniamo il tuo intimo diario.
Adorato germano a noi diletto, vani al tuo misero calvario,
impotenti ci frustiamo il petto.
Freddo il sole s’allontana, gli ultimi giorni si trascina
di questa scarpinata umana spesa a spezzar la schiena.
Marcata la tua impronta, singolare, rimarrà nel tempo sempre uguale,
forse bizzarra, esuberante, capricciosa, ma nata di un cervello geniale.
(08/05/2009)

 

l'autore Ugo Mastrogiovanni ha riportato queste note sull'opera

Dedicata a mio fratello, 15 anni più grande di me, costretto a letto dal morbo di Parkinson. Morto 3 mesi dopo, a lui ho dedicato anche "Volato" http://www. poesieracconti. it/poesie/opera-40898.


un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

19 commenti:

  • Anonimo il 18/03/2012 11:19
    L'ultimo sono io Mauri Huis
  • Anonimo il 18/03/2012 11:18
    L'ultimo sono io Mauri Huis
  • Anonimo il 18/03/2012 11:18
    Dir bella di una poesia di tal fatta ed argomento sembra quasi un poco accettabile complimento. Eppure questa tua rende giustizia alla grandezza tragica di quell'ultima battaglia e del suo esito, purtroppo tragico. Ed è nella tragedia che si compendia il sentire il senso della nostra umana esistenza, che, nella sofferenza per la perdita di una persona così cara, si sublima e si completa. Condoglianze e complimenti. Ciao Ugo.
  • Sara Braido il 02/11/2009 18:05
    un'opera molto interessante
  • Cinzia Gargiulo il 30/05/2009 12:12
    Aggiungo alle voci del coro che è bella perchè vera, intrisa di emozione e dolore vissuto che si respira tutto.
    Un dolore che conosco come conosco il senso di impotenza dinanzi all'inevitabile che ti distrugge dentro...
    Un forte abbraccio.
  • Sarah K. il 25/05/2009 20:00
    mi piace!!!
  • Maria Lupo il 22/05/2009 23:45
    Straziante, splendida. Solenne alla maniera classica ma marcata da un profondo struggimento personale.
  • Marcelllo Barbuscio il 21/05/2009 20:47
    Di una bellezza unica; un modo di raccontare il dolore come se si potesse o dovesse aggiungere alle conquiste positive della sua vita. La tua scrittura è piena della tua età matura e della giovinezza che ancora sta nel tuo cuore... che nemmeno mille anni potranno mutare. Un onore leggere le tue poesie magistrali, un saluto Marcello
  • Donato Delfin8 il 21/05/2009 09:11
    molto bella. bravo Ugo.
  • Anonimo il 20/05/2009 11:52
    Mi aggiungo a questo rosario di presenze ad accarezzare la tua tristezza, che ora diventa anche mia.
    Che Grande Maestro!!!
    Questa tua è Geniale, semplicemente perché l'hai saputa esprimere con le parole che ad altri non vengono date...
    TVB
    nel
  • Anna G. Mormina il 19/05/2009 18:44
    ... ecco cosa rimane: la sua impronta, il suo essere ricordato... molto bella!
  • Len Hart il 19/05/2009 14:35
    great!!!
  • cesare righi il 18/05/2009 19:27
    Poesia e poesia, mi associo ai commenti sottostanti ed aggiungo il mio bravo.
    ciaociao
  • Fabio Mancini il 18/05/2009 05:29
    Dolore ben celato fra tante parole, quando poi la morte ci azzittisce lasciandoci stupefatti. Incommentabile. Un in bocca al lupo, Ugo. Fabio.
  • antonio castaldo il 17/05/2009 14:41
    è semplicemente... poesia, e il resto... superfluo. bravissimo!
  • loretta margherita citarei il 17/05/2009 13:49
    fa pensare piaciuta
  • Michelangelo Cervellera il 17/05/2009 12:37
    Ci rimane l'ndelebile ricordo ed il pianto che fa esplodere il cuore.
    Una bella poesia, una triste poesia, una vera poesia.
    Michelangelo
  • suzana Kuqi il 17/05/2009 12:08
    triste e bella
  • Anonimo il 17/05/2009 10:40
    geniale!!!!
    senza parole!
    Questa è POESIA!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0