PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Plasmandoti

Ti farò spugna
per assorbire i colori
che Io deciderò

Ti farò creta
per essere plasmata
dal Mio vizio

Ti farò donna
per essere gustata
dai Miei sensi

Chiudi gli occhi
e lasciati trasportare
nei viali alberati dell'anima

Io il farò
che ti guiderà
affinché
tu non perda la strada

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Grazia Denaro il 21/07/2012 09:48
    Molto possessiva e maschilista!
  • Luigia R. T. il 18/05/2009 15:21
    Grande ed... egoistica è la tua determinazione a plasmare l'altra a tuo piacimento... ma la forma non sempre corrisponde "all'intenzion de l'arte" ed il demiurgo deve assecondare non violare la materia, che, del resto, se troppo molle, ben presto si deformerebbe al tocco di altre mani... Se poi la materia è il cuore umano 'attenzione deve essere ancora maggiore!
    Originale ma... opinabile quanto al contenuto!
    Un saluto
    Luigia
  • loretta margherita citarei il 18/05/2009 14:37
    possessiva, se qualcuno te la dedicasse a te, come la prenderesti?
  • Anonimo il 18/05/2009 12:53
    Un bellissimo sogno che naufragherà nella malinconia di un'anima
  • Fabio Mancini il 18/05/2009 11:48
    Come un Dio che plasma la sua creatura, senza che quest'ultima abbia il libero arbitrio. Fabio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0