PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

chi è più capace si facesse avanti

Chi è cchiù capace, se facesse annanze!
(chi è più capace, si facesse avanti)!

Cesare Giulio, chiamato anche Caio,
era statista non certo un notaio,
pigliò una città e la fè capitale,
con il suo governo, che non era male.

Ma qualcheduno, di spazio privato,
andò a concepire un colpo di stato,
e contravvenendo al voler della gente,
privò l’urbe intera della sua mente,

per sostituirsi, con grande piacere,
all’accoltellato, carpendo il potere.
Ma aveva fatto i conti senz’oste,
e quello che ebbe fur solo batoste!

Questo dev’essere d’insegnamento,
a chi del comando non è contento.
Per sostituirlo, o aspetti natura,
oppure, più alta devi aver la statura

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Donato Delfin8 il 13/01/2009 15:49
    Divertente. grazie a presto
  • Isaia Kwick il 20/08/2007 05:21
    Svigorita
  • michele marra il 22/04/2007 11:01
    La poesia per avere un futuro deve tendere all’essenzialità.
    Superiamo il decadentismo con una nuova poetica di ricerca dei termini, di corretta allocazione della parola, di messaggio completo e compiuto, prima nella mente del poeta e poi esteso agli altri.
    La lirica non può essere solo sfogo del poeta, ma messaggio per gli altri.
    Cosa deve fare il poeta? La sua è la ricerca della parola, del termine giusto da inserire al proprio posto, della scultura del “termine” della venatura della parola, come se fosse marmo. Solo così decollerà il nuovo rinascimento della poesia.

    Michele Marra
  • sara rota il 02/03/2007 17:26
    Troppo politicante!
  • michele marra il 10/12/2006 08:53
    La maggior parte degli uomini sono filosofi in quanto operano praticamente e nel loro pratico operare è contenuta implicitamente una concezione del mondo, una filosofia. (Gramsci)
  • michele marra il 26/08/2006 10:13
    Scrivi qualcosa anche su Castel Morrone, una descrizione, una situazione, avremo così anche noi delle liriche legate alla nostra terra, per quel che possono valere
  • michele marra il 30/07/2006 08:05
    Poesia senza grosse pretese. Semplice ma lineare, dove, però , il tentativo di essere ironico a tutti i costi ne riduce l'espressività . Puoi migliorare affinando le tue doti artistiche partecipando al premio di poesia Termopili d'Italia - michele

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0