accedi   |   crea nuovo account

di morte e di rabbia

Così…. Come il sole la sera
timidamente si nasconde
dietro al monte... orizzonte,
per lasciare il cielo alla notte
alla luna alle stelle
che con il loro brillare
illuminano il sentiero
al non onesto al non sincero.
Così…. I miei pensieri
si scontrano nella mia mente
come palle in un bigliardo,
oltre il percebile confine
tra sogno e realtà, lasciando
libero spazio alla rabbia.
E…. tu amica che stanotte
hai oltrepassato il confine
tra visibile ed irreale,
per finire dove dice qualcuno
il regno di Dio
o un metro sotto terra
come dico io,
per lasciare il tuo corpo
lauto pasto ai vermi
ed il tuo spirito
energia nell’aria.
Oggi che giustizia non c’è
né giustizia divina
né giustizia terrena,
perché il fato s’esiste
non ha pietà,
né per la tua voglia di vivere
né per la tua voglia d’amare
e tanto meno per la tua
giovane età.

 

1
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Donato Delfin8 il 23/05/2009 02:16
    molto bella.
  • Vincenzo Capitanucci il 20/05/2009 07:23
    Struggente... rabbiosa... Fernando... bella...
    se il Fato... non ha inserito in se... un programma pietà-salvezza... siamo tutti fottuti... fin dalla nascita... io credo... ma bisogna anche tirarsi su le maniche della camicia...
    Un abbraccio... un mio amico è morto fra le mie braccia... 20 anni e fa... e ci penso ancora...
  • nicoletta spina il 19/05/2009 23:15
    Condivido il tuo dolore che ho provato anch'io per cari amici scomparsi troppo presto e ammiro la tua capacità di averne fatto poesia... struggente, bellissima e profonda. L'unica spiegazione che ho saputo dare è che la morte fa parte della vita, ahimè.
    A te vicina... col cuore e con l'anima
  • lucia cecconello il 19/05/2009 23:04
    Molto bella... sentita, bravo.
  • Cinzia Gargiulo il 19/05/2009 23:01
    So che la cosa ti fa star male Dado... ti sono vicina da amica nel tuo dolore che hai espresso con tutta la tua rabbia in questa bella poesia. Non ci sono spiegazioni per la morte che passa, ahimè, da persone di tutte le età... troppe volte l'ho vista in azione...
    Ti abbraccio.
  • Michelangelo Cervellera il 19/05/2009 22:34
    Ti ho letto poco Fernando e mi spiace, questa poesia così cruda e triste fa del tuo sentire un rombo di tuono, un vento rabbioso che non trova la via aperta per placarsi un po'. Si dice che la giustizia non è di questo mondo, ma io credo che solo in questo mondo dobbiamo conquistare la giustizia.
    Molto bella.
    Michelangelo
  • laura cuppone il 19/05/2009 22:20
    non c'è giustizia divina nè spiegazione razionale..
    ma solo il sentire uno spirito aleggiare e tornare a far parte dell'Energia dell'Universo... e pensare al suo corpo che torna alla terra dalla quale é venuto.


    non é giustizia... ma inevitabile percorso..
    non si accetta a volte ma... succede..

    straziante, vera... bellissima...
    come lamento di lupo alla luna

    un abbraccio ferdyyyyyyyyyy

    Lau
  • Anonimo il 19/05/2009 21:15
    Bellissima... senza parole
  • loretta margherita citarei il 19/05/2009 19:46
    molto sentita come poesia, piaciuta molto bravo fernando

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0