accedi   |   crea nuovo account

Alzheimer

Il sipario scende lentamente
pensieri che si inciampano
finché si perde anche la parola
nella notte buia della mente...

La ragione è spenta

Spenta sembra anche la luce
dentro gli occhi...
ma se ti avvicini
delicatamente
bussando con un sorriso...
si alza un' altro sipario
un altra scena mostrando
un anima intimorita e terrorizzata
imprigionata in un corpo ed in un mondo
che più non lo conosce...

Dio mio!
Qual' è la lingua dell'anima..?

Che lingua parla l'anima..?
Se non quella di questi occhi
in cerca di percepire
un po' di tenerezza
affamata di una carezza
di un sorriso, di un affetto...
su tutte le facce
perché nel suo mondo
esiste solo una
che comprende anche quello dei figli
che gli ha partoriti, cresciuti, amati
che li sembrano dei perfetti estranei
vede un solo volto
che si chiama umano, ma...
ha dimenticato
qual'è la lingua che parla l'anima...

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • suzana Kuqi il 20/05/2009 22:04
    Grazie Vincenzo, grazie Lara. È veramente terribile sia per il malato sia per chi gli sta accanto. Ho visti tanti nella casa di riposo dove lavoro.
  • Anonimo il 20/05/2009 21:21
    Non ho mai conosciuto qualcuno affetto da questa terribile malattia... Non posso e non voglio immaginare... Perdere parte (o completamente) se stessi e continuare ad esistere... Credo sia peggiore della morte stessa: morire prima di morire... Terribile per il malato e per chi gli sta accanto.
    Che angoscia
    Ciao
    Lara
  • Vincenzo Capitanucci il 20/05/2009 21:11
    rimane una bambina spaurita... che a volte anche s'arrabbia... perché non riconosce più niente del mondo...

    Terribile... vissuto... una malattia simile... con mia Madre...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0