PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Una Luce, e poi la quiete

Da cosa fuggo?

Lume irrequieto
di luce blu elettrico
bagliore ghiacciato
che incute timore.

Che cosa cerco?

Resto nel mezzo
di un campo di rose
fra rovi spinosi
e venti impetuosi.

Chi mi comprende?

Rinchiuso in un guscio
non vedo più il cielo,
è nell'anima inquieta
ora cala il sipario.

Cosa mai troverò?

una luce abbagliante
ora è d’innanzi a me,
la quiete mi assale
dissolvendo ogni male.

La fine di tutte le scelte..

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Donato Delfin8 il 27/05/2009 01:51
    bella
  • Giada.. il 22/05/2009 00:15
    mi piace
  • Anonimo il 21/05/2009 22:27
    Alla ricerca della quiete, che dissolve il male,
    ma se si arriva alla fine di tutte le scelte, non è proprio sicura che sia l'arrivo della quiete...
    Bella mi è piaciuta
    ciao
    Angelica

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0