PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

SIGNORE SCANSACI

Il ventre della terra ha fuochi accesi
Che bruciano le ali d’un gabbiano
Nell’indifferenza quotidiani dei silenzi
Nasce il desiderio di voler cambiare il mondo
Coi sognanti programmi d’infinito.
Signore scansaci
Dai falsi miti, dai colossi d’argilla
Dai presagi barattati
Dai Giuda e dai Pilato
dall’odio delle razze
Signore scansaci
Da chi ci chiama fratello
Nella sala d’attesa del patibolo
Per consegnarci al boia
Senza uno scupolo
È meglio che restiamo figli unici
Incatenati nella solitudine
Nutrendo nel profondo delle anime
L’immenso seme dell’umano credere
Signore scansaci
Da quest’incendio
Di parole al vento.
Signore Scansaci!

 

3
9 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 21/10/2016 16:40
    Molto apprezzata, seppur lunga per i miei gusti.
  • Paolo Villani il 06/03/2015 16:27
    E'una poesia molto dura, lo stile ricorda quello del libro dei Salmi.

9 commenti:

  • Carmela Vito il 11/05/2013 14:09
    Il signore non deve scansarci da questi pericoli, se cosi' posso chiamarli. Il signore deve amarci poi sta a noi tutto il resto
  • Rosarita De Martino il 14/01/2012 20:09
    E preghiamo insieme il Signore perchè voglia scansarci dall'imbatterci in uomini "murati" nel palazzo dorato dell'egoismo e dell'individualismo più sfrenato che chiude la porta della speranza. Desidero tanto che ogni uomo possa dire "Questo è mio fratello". Saluti. Rosarita
  • Anonimo il 12/04/2011 16:35
    molto bella complimenti!!!!
  • Anonimo il 09/11/2008 15:36
    http://www. poesieracconti. it/images/smiles/mmm. gif
  • ashanti x il 11/06/2007 18:40
    La solitudine... è proprio questo uno dei mali di cui l'uomo ha paura, che porta alla follia, alla morte. Gesù non ci ha scansati nella sua vita ma ci ha amati: Giuda o Pilato è vero ma figli dello stesso Dio.
  • Donatella il 27/05/2007 22:11
    La tua vita è quella che scegli, confidi troppo nel divino per godertela al meglio..
  • IvaDiva il 11/05/2007 10:47
    Con toni decisi... perdonami se pecco di superbia ma... in questi casi io dico... aiutati se vuoi che Dio ti aiuti!!! In ogni caso è una poesia molto carina! A presto. Ivana
  • Riccardo Brumana il 12/04/2007 13:16
    ogni sfida di questo mondo mi accende! prego Dio che mi dia una mano a superarla ma non di evitarmela, perchè se questo deve essere... che sia!
    il Mondo non mi avrà tanto facilmente!
  • Luigi Lucantoni il 21/01/2007 23:54
    Se continui a sperare non uscirai dal tipo di trappole che hai descritto. Attento ci sono errori di battitura.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0