accedi   |   crea nuovo account

mes yeux

Polpastrelli affamati su piccoli tasti.

Comporre
Cancellare
Comporre
Cancellare

Impulsi arginati
come interruzioni da pozioni abortive.
Ferite suturate ma desiderose di fluire.

Controllo e consapevolezza,
mentre l'odore di maggiorana
in questo pomeriggio di primo autunno
riscalda i torpori.

Sigarette lasciate a metà
nel portacenere colmo.
Bruciano.

Vento in faccia che fa chiudere gli occhi
il tuo toccarmi con la mente
e le tue mani
su quegli occhi,
i miei occhi,
che non guardano,
ma vedono
e tornano su quei tasti pronti a

Comporre
Cancellare
Comporre

Quello che già sai
Quello che già so
all'infinito.

 

1
8 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 30/10/2016 06:32
    apprezzata... complimenti.

8 commenti:

  • Len Hart il 14/09/2009 09:14
    great!!!
  • Vincenzo Capitanucci il 09/06/2009 00:53
    Bellissima Debora... piaciuta tantissimo...

    Comporre
    Cancellare
    Comporre

    mi richiama alla meditazione... e ad una certa pittura moderna... fatta da cancellazioni del soggetto...

    da sempre sappiamo...
  • Adamo Musella il 31/05/2009 12:34
    Stati d'animo diversi e continui rendono quel ripetersi di azioni un atto quasi dovuto alla verità che già esiste in noi... brava Debora baci
  • Donato Delfin8 il 27/05/2009 01:59
    molto bella
  • Anonimo il 22/05/2009 19:16
    Bellissima... davvero Poesia! I miei complimenti!
  • augusto villa il 22/05/2009 01:56
    Molto belle le immagini... Si presta a più di una lettura...
    Piaciuta!
  • Anonimo il 22/05/2009 00:45
    particolare e interessante!
  • Dorian Di il 21/05/2009 23:51
    Difficile dire
    Difficile scrivere
    Solo sentire
    Solo sentire
    Solo sentire

    D.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0