accedi   |   crea nuovo account

Ciao, Papi.

Faccio subito pipì,
se con me stai, o Papi,
e non capisco le ragioni
dell’effetto diuretico che emani.

Tu sai,
che a settantacinque vai,
ma quando un regalo mi fai,
il Cielo raggiungo.

Il venticinque del mese,
la gattina, Agnese,
compie gli anni:
ci verrai pure tu, Papi?

A scuola nove ho preso,
materia: gluteo,
ma curandomi di più,
prenderò un dieci pieno!

Torna presto,
io e la mamma ti aspettiamo.
Ciao, Papi.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Donato Delfin8 il 27/05/2009 02:41
  • Fabio Mancini il 23/05/2009 08:14
    Ciao, Anna. Penso che la gattina Agnesina stia molto a cuore a Papi, così come la salute e il futuro "professionale" di tutte le giovani e belle donne del Paese. Papi vuole bene a tutte loro. Che si sappia! Ciao, Fabio.
  • Anonimo il 22/05/2009 22:57
    Simpatica poesia, bravo Fabio.
  • Anna G. Mormina il 22/05/2009 22:11
    ... non penso che, per il compleanno della gattina Agnese, Papi non verrà... giusto? ... giusto!
  • Anonimo il 22/05/2009 19:43
    Bella Fabio... bellissima.
  • Vincenzo Scognamiglio il 22/05/2009 17:35
    grande, un applauso e una risata .
  • dramaqueen il 22/05/2009 13:33
    OK, ora ho le idee più chiare! Grazie Fabio!
    A rileggerci...
  • Fabio Mancini il 22/05/2009 12:05
    Ciao, Debora. La mia composizione non nasconde nulla. Mi sembra solare. Forse la tristezza che intravedi appartiene ai protagonisti della storia. In fondo basta poco per rendersi ridicoli... Non credi? Ciao, Fabio.
  • dramaqueen il 22/05/2009 12:00
    Ciao Fabio! Beh, questa poesia è molto simpatica ma credo nasconda qualcosa di triste, giusto? Questa è la mia interpretazione...
  • Cinzia Gargiulo il 22/05/2009 11:55
    Simpatica!
    Baci...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0