PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

questa malattia

Questa malattia
che prima di finirci ci trasforma in
pulcini implumi
da uomini seri che eravamo
scavato il volto
gonfie le dita
stecchetti le gambe e gli
occhi grandi
che sporgono da un volto smarrito
che non si riconosce più
aspettando... aspettando

da un altro punto di vista
non è letale..
e addirittura non fa del male.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Alèd il 13/08/2012 14:10
    Con la vita bisogna saperci fare o lasciare perdere
  • Donato Delfin8 il 18/01/2009 23:10
    Crudo sarcasmo! Bella. Speriamo che il treno sia in ritardo come sempre no?
    grazie a presto
  • Ivan Iurato il 09/09/2006 18:28
    La lirica denota una certa visione compassata della vecchiaia.
    Lo svilimento fisico fa da sfondo ad una sorta di consapevolezza per un nuovo "viaggio" di cui non si conosce la destinazione.
    trovo un po' abusato il tema e un po' stentata e poco musicale la forma.
    apprezzati i primi versi.
    Da correggere, infine, alcuni errori ortografici.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0