PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Per te

Raccontami, di come tu guardi il mondo da lontano,
di come vedi gli uomini fare all'amore e piangere per le loro emozioni.

Narrami, il cammino dell'anima,
il cammino dell'anima mia,
che muore e risorge come il giorno e la notte.

Accarezza, piano il mio viso,
piccolo petalo di un giardino fiorito,
e asciuga le lagrime di un uomo
caduto nel vuoto di una fragile vita.

Accompagnami, nel sogno di un'esistenza infinita,
come Virgilio nell'inferno divino,
e non lasciare mai la mia mano
affinché io cammini sicuro.

Ma, dopo tutte queste fatiche, riposati, amore mio,
e lascia ora che io vada
nell'unico posto dove tu non potrai venire.

Rallegrati, della tua vita e del tuo divenire,
o dolce compagna di una passeggiata terrena,
e non essere triste per il mio destino:
il paradiso e l'inferno sono una cosa sola.

 

3
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 20/10/2016 08:55
    apprezzata... complimenti.
  • Anonimo il 20/06/2012 11:13
    ... un indistricabile
    messaggio d'amore
    molto
    apprezzata.

4 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0