username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Maschere

guarda un viso
come un oggetto
ne cogli forse l'ombra
il contorno
niente

spialo mentre pensa
parla
s'accinge
nel gesto più banale

ne sfiori la bellezza
quella sua
quella vera
e mai si darà
all'occhio tutt'intera

un viso è ricamo
di attimi cuciti
su trame sempre nuove

seta di sorriso
viola di rancore
dolcezza e nostalgia
brividi di passione

tessuti a maglie strette
intrecciano nel tempo
maschere e marionette

un viso, un viso vero
non si fa vedere

 

0
7 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 01/04/2014 00:39
    Molto apprezzata.. complimenti.

7 commenti:

  • Carlo Diana il 01/04/2014 14:09
    Grazie Ferdinando, è passato molto tempo...
  • Alda Visconti Tosco il 09/02/2008 21:27
    è da leggere oltre il visibile dietro alla maschera!
  • Anita Bonardi il 02/12/2007 00:18
    La poesia scorre bene, i versi mi piacciono. Direi che non sono del tutto d'accordo con il senso, ma questo nulla toglie a ciò che hai scritto. Bravo.
  • Anonimo il 23/06/2007 11:25
    Un viso vero si fa vedere se trova qualcuno interessato a guardarlo. E se quello sguardo è candido e innocente, allora quel viso risplende di luce e illumina chi lo sta osservando. Bellissima windy. nel
  • sergio vassetti il 27/10/2006 20:52
    bellissimi versi, ma non penso di averne compreso a fondo tutti i significati.
    questo ovviamente è un mio limite...
    Me la ristudierò.
    Comunque l'emozione arriva, ed è per questo che lascio i mio commento.
    bravo.
  • Viola Smith il 25/10/2006 12:40
    Mi piace molto... anche per il modo in cui scorre.
  • Ivan Iurato il 25/10/2006 01:23
    "seta di sorriso
    viola di rancore
    dolcezza e nostalgia
    brividi di passione" ottimi questi versi, colmi di sinestesie molto azzeccate.
    Ancora una volta devo rimproverarti una chiusa non degna dell'opera che hai scritto. Troppo stringata, troppo asciutta. Sempre mio giudizio personale.
    Con Stima,
    Ivan.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0