accedi   |   crea nuovo account

Avanza...

In un mare di note selvagge
una voce:
i libri muti sugli scaffali,
immobili eppur con le ali,
col loro canto
mi stregano
verso lo schianto
e so chi sono,
accolgo il viaggiatore
tra i sistri.
Avanza,
non temere
il mio potere.
Percorri
la via dei tesori
e del sapere:
che cadano gli altri.
Il coro sulla balaustra,
uccello in gabbia
che sogna il gioco
del cuore,
finchè regge.

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Lucia Zarantonello il 01/06/2009 13:11
    Meravigliosa!
  • Anonimo il 28/05/2009 00:29
    bellissima
  • Donato Delfin8 il 27/05/2009 23:44
    molto bella
  • Anonimo il 27/05/2009 01:39
    il sapere come via di fuga... non compensa le domande dell'anima... tutti abbiamo una gabbia che ci preclude il Volo... C'è chi si rassegna o chi apre la porta di questa gabbia con il rischio di cadere nel baratro... Amore via di salvezza? quando finisce il cuore gioca di cinismo e di malinconica nostalgia... e il baratro si fa sempre più prepotente
  • Anonimo il 26/05/2009 16:52
    Molto intrigante, ricca, accurata, piena di suoni.
  • Heléna T. il 26/05/2009 15:02
    bella!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0