PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

ginga

Così lontani dal fiume dell'inverno
e dai rintocchi del quadrante
senza magiche lenti,
né fare, né andare,
il muto non mente,
hai scelto l'amore
in lingue da demolire
e ricostruire...
come ci si sente?

Come ci si sente
a riordinare
idiomi esautorati,
hai scelto il dolore,
il sordo non sente
né cantare, né poetare,
senza potenti armi
contro la falce del tempo,
così lontani dalla via della paglia?

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • michela bortolotti il 03/06/2009 11:43
    contro la falce del tempo. interessante.
  • Lucia Zarantonello il 01/06/2009 13:12
    Stupendaaa!!!!
  • Donato Delfin8 il 27/05/2009 23:59
    bella
  • Vincenzo Capitanucci il 27/05/2009 08:52
    Bellissima Len... lingue da demolire... per ritrovare la potenza della parola...

    Il muto non mente... fichi a maturare nella paglia...
  • Anonimo il 27/05/2009 00:04
    atmosfera di cupe interrogazioni... piaciuta
  • loretta margherita citarei il 26/05/2009 21:10
    molto ben scritta, molto piaciuta bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0