username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

'A sòrti rì Muòrica

Pi còmu mi capitau ri nascìri
i scalùna sùnu 'i ma nimìci,
picchì nun sàcciu caminàri.
E tu, Muòrica mia, ri scalùna
n'àj tanti, tanti, tanti.
Ntê strìtti vanidduzzi
nun ci puòzzu trasiri
e màncu chiesi e palazzi
puòzzu virri ri intra;
me puòzzu gòriri sulu
ntê fijùra rê libbra.
Ti talìu però ri luntànu
tutta anzièmi
ntô panuràma.
Rô Pizzu, ri Muntisirratu,
ri l'Itria spuntùnu
'n munzièddu ri casi e casuzzi
ca si tiènunu una cu l'autra
e mi pari ca na manu amurusa
l'accarizza ntô fari acciana e scinni.
Brutta sòrti appi sta Muòrica:
fiçiru 'a nova e muriu 'a veccia.
'A casa rô nannu è abbannunàta
nun ci abbita nuddu,
'a casa rô ziu è vacànti
e chidda râ zia si sta sdirrubbànnu.
Iu staiu ntâ parti nova.
È vèru, cà ri scalùna
nun ci n'è
e ca carruzzèdda
puòzzu iri ùnni ererè.
Ma c'àgghiu ri virri?






traduzione in italiano

Il destino di Modica

Per come mi è capitato di nascere
i gradini sono i miei nemici
perché non so camminare.
E tu, Modica mia, di gradini
ne hai tanti, tanti, tanti.
Nelle strette stradine
non posso entrare
e neanche chiese e palazzi

12

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Salvatore Ferranti il 23/10/2009 12:50
    bellissima! anche tu sei di Modica?
  • K. Lear il 27/05/2009 21:44
    Molto bella! Complimenti!!