PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

pedofilia(da un racconto letto in un giornale)

Ero una bimba,
con i capelli rossi
e gli occhi verdi,
un corpo esile
e due seni acerbi,
come pesche
prima che il sole,
le faccia indorare.
Principessa di papà ero chiamata,
figlia diletta, super amata.
Solevo sognare,
nella soffitta ballare,
al suono di un gammofono
che un valzer lento,
di Strauss, suonava.
E nel mio fantasticare,
un bellissimo giovane
mi faceva volteggiare,
come in una fiaba d'amore.
Ma il drago del male,
imprigionò mio padre,
crollò il mio castello,
più non ebbi la voglia
di giocare.
E venne un orco cattivo,
un demone del male,
per amico di papà
si fece passare.
Cominciò il mio corpo
ad accarezzare,
un gioco segreto
cominciò a fare.
Caramelle, cioccolatini,
bambola e burattini,
così voleva ricompensare,
l'innocenza di una bimba, pagare.
Ero bimba, volevo sognare,
pura nel corpo e nell'anima,
non potevo allora pensare,
che mi facesse il male.
E quel giorno
che l'amiche di scuola,
avevo quindici anni allora,
del sesso si misero a parlare,
compresi la cruda realtà.
Piansi e l'orco cattivo odiai
e mai potrò perdonare
chi uccise
me, piccolo fiore.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Donato Delfin8 il 23/09/2009 20:35
    Riletta.
    Brava LO.
  • Anonimo il 13/08/2009 19:40
    Stò piangendo. Non ho bisogno di scriverti altro. Un salutino, Miriam.
    p. s. Quando hai tempo... leggi il mio scritto intitolato " Semplice Poesia (Io sono...).
  • Donato Delfin8 il 28/05/2009 09:26
    piaciuta!
    "Piansi e l'orco cattivo odiai
    e mai potrò perdonare
    chi uccise
    me, piccolo fiore."
  • Vincenzo Capitanucci il 28/05/2009 08:59
    Bambini a rischio... in tutto il mondo...

    Molto ben scritta... Loretta... un nube perversa... su un prato... di fiori innocenti... affamati... di vero Sole...
  • Anonimo il 27/05/2009 23:40
    un argomento difficile e scomodo descritto con sentita delicatezza... un canto... una triste favola... che cela con sincera lealtà il declino dell'umanità
  • antonio castaldo il 27/05/2009 23:31
    mi è piaciuta. kiss.
  • laura cuppone il 27/05/2009 22:49
    leggere
    scrivere

    qual'è la realtà?
    quale la morte?
    di chi?

    di cosa?

    ...

    Laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0