accedi   |   crea nuovo account

Il Sole nero

Vien voglia di abbassare le braccia
braccia stanche dal lavoro
nei stenti di fine mese

disarmate
a volte morte

sempre nude

governate
da un empirico nulla

emarginate

poi torna una rabbia
ricca di pace

riprendi a lottare

a svelare luce antica

sepolta
nelle più nere miniere

di chi ha percepito le carezze solo nel pugno salato del Sole

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anna G. Mormina il 28/05/2009 17:10
    ... quel sole s'è annerito, ci ha lasciati al buio e ci ha spaventati... morire mentre si lavora, sta accadendo a troppa gente... che angoscia... Bravo Vincenzo, non è facile parlar di fatti come questo...
  • Donato Delfin8 il 28/05/2009 09:32
    piaciuta
  • Anonimo il 27/05/2009 23:29
    piaciuta, intensa parabola che sfiora la più alta filosofia
  • Anonimo il 27/05/2009 23:11
    .. quel sole nero oggi piange.. ha perso 3 pugni.. tre figli che amavano la terra..
    oggi le lacrimi sono dei figli.. delle mogli che aspetteranno invano il compagno..
    ma quel sole ritornera a splendere.. passato l'oblio.. ci metteremo in marcia
    a buttare fuori la rabbia... per irprenderci la nostra dignita'.. il rispetto che stiamo perdendo.. perche il lavoro ci faccia crescere e non morire come topi..
    forza paris..
    Aurora

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0