accedi   |   crea nuovo account

In noi

“Aspettami amore mio
stanotte non ci sono
poiché hai rapito la mia anima
incosciente
raccolta come grano d’oro e miele
nella coppa smisurata del tuo dolce sapore”

Tra le stelle del cielo, non v’è ne una,
a te somigliante. Così per un ladro quale son io,
troppo forte è stata la tentazione di sottrarti,
perché spietata è la tua beltà, amore mio.
Dovevi legarmi mani e piedi,
perché io non ti rapissi.

”Aspettami al confine
della nostra fine
e udrai un canto
nella quiete vermiglia
del velluto estasiante
nel mio sussulto
all’incedere fremente del tuo
cobalto
alla corte smisurata e sconvolta
delle tue dita impazzite sulla mia pelle”

La tua luce, ogni ombra rende brillante,
e ai miei occhi aggiunge discreto fascino,
i nostri fremiti segreti, li custodirà la luna,
le promesse d’amore le celerà il cuore.
La mia vita senza di te è noia soltanto,
il tuo sorriso, di colpo m’accelera il battito,
quanto durerà questo incanto?
Svelami la verità nei tuoi versi,
ma se pensi all’incanto d’un attimo,
meglio morire, che averti amato.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anna G. Mormina il 28/05/2009 20:56
    ... non può, non sarà solo un attimo...
    Bravo Fabio e brava Laura!
  • Cinzia Gargiulo il 28/05/2009 15:48
    Si può dunque definire una poesia a 4 mani... Bellissima!
    Ma i complimenti mio caro Fabio questa volta vanno anche a Laura...
    Baci ad entrambi...
  • loretta margherita citarei il 28/05/2009 14:44
    molto bella complimenti
  • Donato Delfin8 il 28/05/2009 07:41
    piaciuta
  • laura cuppone il 28/05/2009 07:36


    mi é piaciuta l'idea
    del continum...
    si.. come esperimento poetico.. mi piace pensare
    a un mio
    scritto
    come musa
    in un certo senso.

    non sono
    negativamente sorpresa.

    grazie a te per la citazione.
    bella poesia.

    Laura
  • Fabio Mancini il 28/05/2009 07:04
    Ringrazio l'autrice Laurac per aver ispirato i miei modesti versi, a fronte dei suoi bellissimi. Voglio ricordare che la prima e la terza strofa fanno farte di una sua recente composizione intitolata, In me. Con l'aggiunta dei miei versi, mi è sembrato logico e coerente intitolare lo scritto, In noi. Ciao, Laura, spero di non averti sorpresa negativamente. Un bacio e buona giornata. Fabio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0