username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il primo desiderio

Mi chiedo cosa siamo,
mi chiedo cosa proviamo.
Ricordo il sole luminoso,
accecante e scottante,
di un’estate rovente.
Ricordo la tenera età,
l’infantile sorriso,
che accendeva la bella stagione
della nostra amicizia.
Ma ricordo quel bacio,
quello che volevo darti sulle labbra,
con il cuore.
La tua bocca era bella,
rosea e piena,
con sensualità da infante.
Pareva invitante come un frutto maturo,
dal quale bere un fresco e dissetante succo,
Volevo sfiorarla con le dita
per apprenderne la morbidezza;
volevo baciarla con la mia,
per gustarne lo zuccheroso sapore.
Ti volevo scoprire come amore,
ma non lo feci mai.
L’audacia era poca e l’imbarazzo troppo.
E fu così la luce dell’estate tramontò,
dividendoci ancora una volta.

 

3
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Maria il 13/09/2014 22:35
    È davvero meravigliosa.
  • Sasha Ciaccio il 22/11/2010 22:07
  • Salvatore Ferranti il 19/10/2009 08:58
    già----cosa siamo? ... molto bella
  • Anonimo il 31/07/2009 00:00
    [senza parole] è... stupenda!!! COMPLIMENTI!!!
  • antonio castaldo il 10/06/2009 18:04
    MI è PIACIUTA. BRAVA. KISS.
  • Donato Delfin8 il 29/05/2009 20:24
    bella
  • K. Lear il 28/05/2009 21:47
    bella!!! desideri che scappano via, quando la luce dell'estate tramonta (a settembre)

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0