PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Eage

Forestieri randagi
nel villaggio-deserto
come esseri umani
del meccanicismo
le lingue muoiono
crescono e nascono
e l'intoppo
è sempre crescere
Ist dici
In English is is
direi
ma ti sento
vivo
entrare
nel mio mondo
straniero e benvenuto.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Donato Delfin8 il 04/06/2009 04:17
    bella
  • Len Hart il 02/06/2009 14:07
    brava? ha ha ha...
  • Fiscanto. il 02/06/2009 11:07
    molto ben fatta! brava.
  • Anonimo il 29/05/2009 23:30
    Un concentrato di sensazioni strane... quasi una sorta di mistero da svelarsi piano piano... un villaggio, un deserto... delle entità si avvicinano all'uomo... forse delle entità selvagge al di fuori di una logica reale, magari pensieri che si annidano nella mente umana... e qui entra in scena la forza del comunicare... la lingua, la parola in tutti i suoi carismi... affinchè le entità selvagge abbiano l'opportunità di ritrovarsi in comunione con l'essenza ultima dell'essere umano... una sorta di ricongiungimento tra il nulla e il tutto, tra l'io e il non io.
  • loretta margherita citarei il 29/05/2009 20:15
    molto bella bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0