PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

cronologia di un addio

Scese l'inverno,
una tramontana gelida
flagellò il mio cuore,
quando tu, mi dicesti,
dopo aver fatto l'amore,
che saresti andato via da me.
Strinsi con forza
le bianhe lenzuola
del letto,
custode dei nostri amplessi,
ma non una lacrima
uscì dai miei occhi,
sentii solo urlare il cuore.
Per orgoglio, per dignità,
ti dissi che riacquistavo
la mia libertà,
ed a te non mi sentivo più legata.
Fu una difficile bugia,
perchè ti chiamavo amore,
mio sorriso, mio sogno, mia vita,
speranza dei giorni a venire.
Ma era giusto, allora
lasciarti andare
e lo feci per non impazzire,
per non pensarti
quando con altre donne
avresti condiviso la notte
ed altre labbra avresti baciato.
Di te, malgrado tutto,
voglio, un dolce ricordo, serbare
perchè tanto ti amai,
che ti lasciai andare.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Donato Delfin8 il 04/06/2009 08:17
    bellissima LO.
  • Ugo Mastrogiovanni il 30/05/2009 11:20
    Questi amori, sempre così fragili, così incerti, così precipitosi e tanto fecondi per una buona poesia...
  • Vincenzo Capitanucci il 30/05/2009 06:13
    Amare... è anche saper... lasciare... partire... anche se dopo... ci vuole un fazzoletto... grande... come un lenzuolo... per soffiarsi... il naso...

    Un abbraccio... Lory...
  • nicoletta spina il 29/05/2009 23:06
    Struggente e bellissima. Sapersi eclissare per amore è grande prova di sentimento
    scevro da egoismo come solo un grande cuore sa fare.
  • Anonimo il 29/05/2009 20:50
    Bellissima.
  • Anna G. Mormina il 29/05/2009 20:18
    ... una donna, per amore, riesce a fare anche questo, lo so bene!... la tua poesia è bellissima!... brava!!!
  • K. Lear il 29/05/2009 19:42
    bellissima!!
  • Fabio Mancini il 29/05/2009 19:41
    Mi stupisco di come una donna innamorata, possa essere così remissiva e rassegnata. Mi chiedo: perché lasciarsi in quel modo? Forse avete scelto il modo peggiore per lasciarvi. Di fronte a tanta sofferenza, non ci sono parole... Fabio.
  • Anonimo il 29/05/2009 19:16
    bella Loretta.. brava come al solito.. mi piace sopratutto la chiusa..
    ''perche tanto di amai che ti lasciai andare ''
    un sorriso a te
    aurora
  • Anonimo il 29/05/2009 18:12
    leggere queste parole mi fa tornare alla mente ricordi di un passato forse ancora troppo vicino. Comunque bellissima poesia!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0