PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

I RICCI

I ricci
timidi
amano l'oblìo
hanno il cuore aquilone
impigliato nelle spine
aspettano il vento della notte
all'ombra di luna
per liberarsi
lontano da occhi
indiscreti

Sono una metafora
degli amori più puri
quando ildesiderio
si fa fragole alle guance
e ghigliottina allo sguardo

Sono animali strani
inadatti al progresso
vincono la fame di un leone
e muoiono banalmente
sulle pelle di un catrame

Sono un capriccio di Dio
nè nel salutarsi
nè in amore
non possono mai abbracciarsi
ma forse la loro estasi
è... la solitudine
vittoriosa sulla chiassosa
arroganza
dei perfetti umani
-------------------------------
Da:Vetriolo
www. santhers. com

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0