PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Quando ad un uomo

volano oltre le nubi
sfiorando i raggi del sole
le nostre paranoie

oltre l'immaginabile
nell'alto regno degli Dei

e le nostre ansie e le nostre paure
tra le eterne nubi dell'Olimpo

Uomini
in questa goccia d'universo
amano
odiano
uccidono
e pensano

a volte succede
che fuggano i nostri avvoltoi
da quelle nubi
e quando ad un uomo accade
di essre da loro catturato
l'automa razionale
impazzisce

tutte le sue paure
tutte le sue ansie
lo afferrano in un vortice senza fine
sin quando l'annientamento totale
ne diviene l'apice

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anonimo il 11/08/2009 11:09
    Ottima lirica meditativa sulla condizione umana.
  • Donato Delfin8 il 04/06/2009 08:32
    molto bella
  • Anonimo il 03/06/2009 12:46
    Splendida composizione, visione altissima dell'essere... bravò!
  • Felice Serino il 30/05/2009 12:16
    versi che inducono a riflessione. piaciuta
  • Vincenzo Capitanucci il 30/05/2009 06:04
    L'apice... della vita... si raggiunge in un vortice... ape... e... avvoltoio... creazione... e... distruzione...

    Bravissimo Cesare... è sempre luminosa... azione...
  • Anonimo il 30/05/2009 00:13
    bellissime parole che fanno riflettere
  • loretta margherita citarei il 29/05/2009 22:06
    mediti oggi cesare piaciuta molto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0