accedi   |   crea nuovo account

quasi... d'amore

Se avessi le ali di un gabbiano
volerei
questa notte da te,
e come un alito di vento
passerei
sotto alla tua porta,
entrerei
nella tua camera da letto,
e t’accarezzerei tutta
con la dolcezza di un fiore,
per baciare la tua anima
e possedere il tuo corpo,
e raggiungere
con furiosa dolcezza
l’orgasmo più sublime,
perciò ti prego amore mio
aprimi la porta del tuo cuore,
ed anche di casa tua!

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Andrea Ortelli il 23/06/2009 22:15
    Bella ed EMOZIONANTE
  • Donato Delfin8 il 04/06/2009 10:38
    molto bella
  • Adamo Musella il 02/06/2009 10:10
    Le ali per sognare... la fiducia nell'amore per giungere al centro del desiderio fino ad essere... quasi amore; molto bella Fernando ciao
  • Fernando Biondi il 01/06/2009 23:40
    grazie cinzia e loretta, per il commento, ma forse avete ragione mi è mancato un po' di romanticismo, nel finale, ma d'altronde l'amore se non è spirito, che amore è?
    un abbraccio sincero
  • Cinzia Gargiulo il 01/06/2009 23:17
    Certo il gabbiano attraverso il buco della serratura non passa, magari dovresti diventare un moscerino ma tu, furbetto, le chiedi di lasciarti la porta aperta.
    Bravissimo.
    Un abbraccio...
  • loretta margherita citarei il 01/06/2009 22:40
    fernando, fernando se voli perchè bisogna aprire la porta? ironico toscanaccio, piaciuta lor

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0