username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La Neve

E se la neve potesse cancellare tutto il male,
se affogasse i cattivi pensieri di molecole impazzite,
se fosse una coperta fresca e nuova di spiriti bollenti.
Se all’improvviso la quiete diventasse musica,
se la danza di corpi affaticati tornasse ad essere leggera,
e se le luci si trasformassero in colori.
Se il potere di un evento semplice e sincero
coccolasse il pensiero di chi è sempre tormentato,
se bastasse un fiocco bello ed elegante
a far nascere il respiro più profondo,
quello a cui talvolta non si vuole dar parola,
l’energia celeste che tutti attorno a noi sentono nel cuore.
E se i gesti cominciassero a mimare sottovoce,
se di nuovo i sorrisi non avessero rovesci,
se la meraviglia di camminare scalzi
ci accompagnasse al di fuori delle mura,
e se le lacrime di gioia cancellassero quelle di dolore.

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 04/02/2010 09:43
    bella intensa e ben scritta complimenti ^_^
  • Raju Kp il 03/10/2009 15:53
    ultima frase.. chiude giustamente il tutto... bravo
  • Donato Delfin8 il 09/06/2009 10:03
    piaciuta
  • loretta margherita citarei il 04/06/2009 14:47
    piaciuta molto concordo con lear
  • K. Lear il 04/06/2009 01:00
    Io penso che quello che tu ti chiedi, sia realizzabile, è dentro di noi.. E se anche non lo fosse, sarebbe quella spinta che ci salva dalla morte dell'anima.. Bravo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0