accedi   |   crea nuovo account

Cana

Bambini immolati al dio della guerra.
Cana, un lontano giorno, luogo di festa.
Un uomo, figlio di Dio e di una donna
umile e forte, si commosse perché
al banchetto nuziale mancò il vino.
Non fu gentile con sua madre.
Non amava la retorica, il figlio di Dio
e nemmeno i falsi sentimentalismi.
Ma fece quello che sua madre
gli aveva chiesto. Sulla tavola imbandita
arrivò un vino che era un nettare.
Gli ospiti sbigottirono e lodarono lo sposo.
Perché avete profanato l' amore,
la gioia, la festa? I bambini puntano il dito
contro di voi. Il figlio di Dio piange
ma è pronto al perdono, se lo vorrete.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

18 commenti:

  • Ugo Mastrogiovanni il 09/10/2007 15:24
    Quella era ed è una Madre di tutto rispetto, peccato che spesso i nostri figli non ubbidiscono alle madri! Onestamente non vedo profanazione della festa, ma tanto amore in ogni angolo, in ogni respiro e il Figlio inizia a saldare il debito con suo Padre: offrirsi in sacrificio per noi, amarci, sprigionare l’Amore, il solo che perdona.
  • Franca Maria Bagnoli il 26/11/2006 20:43
    Grazie, Pasquino. Ciao. Franca.
  • Franca Maria Bagnoli il 26/11/2006 20:43
    Grazie, Pasquino. Ciao. Franca.
  • Franca Maria Bagnoli il 29/10/2006 23:10
    Grazie a te, Franco per l' attenzione e l' interesse per la poesia. Ciao. Franca.
  • Franca Maria Bagnoli il 29/10/2006 23:01
    Infatti Gsù non è gentile perché non ama la retorica ma fa quello che sua madre gli ha implicitamente chiesto. La poesia è dedicata ai bambini morti nella
    recente strage di Cana, appunto. Ciao. Franca.
  • Franca Maria Bagnoli il 29/10/2006 23:01
    Infatti Gsù non è gentile perché non ama la retorica ma fa quello che sua madre gli ha implicitamente chiesto. La poesia è dedicata ai bambini morti nella
    recente strage di Cana, appunto. Ciao. Franca.
  • Franca Maria Bagnoli il 29/10/2006 23:01
    Infatti Gsù non è gentile perché non ama la retorica ma fa quello che sua madre gli ha implicitamente chiesto. La poesia è dedicata ai bambini morti nella
    recente strage di Cana, appunto. Ciao. Franca.
  • Franca Maria Bagnoli il 29/10/2006 23:01
    Infatti Gsù non è gentile perché non ama la retorica ma fa quello che sua madre gli ha implicitamente chiesto. La poesia è dedicata ai bambini morti nella
    recente strage di Cana, appunto. Ciao. Franca.
  • Franca Maria Bagnoli il 29/10/2006 23:01
    Infatti Gsù non è gentile perché non ama la retorica ma fa quello che sua madre gli ha implicitamente chiesto. La poesia è dedicata ai bambini morti nella
    recente strage di Cana, appunto. Ciao. Franca.
  • Franca Maria Bagnoli il 29/10/2006 22:52
    Grazie per il chiarimento.
    Ciao. Franca.
  • Franca Maria Bagnoli il 29/10/2006 22:52
    Grazie per il chiarimento.
    Ciao. Franca.
  • Franca Maria Bagnoli il 29/10/2006 22:33
    Grazie per il commento un po'
    sibillino. Vuoi dire che una profezia, se è poco gentile, è sempre una profezia?
    profezia?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0