accedi   |   crea nuovo account

Vecchia

Vecchia,
ti chini a tendere alla terra la tua bianca
chioma,
mentre la luna ti dà l’ultimo bacio.
Addio grande e immensa dea.
Il giardino fiorito è dietro il cancello
Dei rovi
E tu ricordi il tuo corpo giovane,
esile e fresco.
Ora, mostri al cielo le tue mani secche,
enormi, lunghe, scoperte,
offri il tuo mantello nero,
curvo è il tuo corpo stanco.
Da madre,
attendi il rumore del mare dei sentimenti
nella conchiglia dell’eterno,
ma il tuo orecchio ormai,
non avverte alcun suono.
Allora, beata ti assopisci,
mentre scende su di te l’ombra scura
di questa corta notte,
profumata di primavera odorosa.
Vecchia,
ti chini a tendere alla terra la tua bianca
chioma,
mentre la luna ti dà l’ultimo bacio.
Addio grande e immensa dea.
Il giardino fiorito è dietro il cancello
Dei rovi
E tu ricordi il tuo corpo giovane,
esile e fresco.
Ora, mostri al cielo le tue mani secche,
enormi, lunghe, scoperte,
offri il tuo mantello nero,
curvo è il tuo corpo stanco.
Da madre,
attendi il rumore del mare dei sentimenti
nella conchiglia dell’eterno,
ma il tuo orecchio ormai,
non avverte alcun suono.
Allora, beata ti assopisci,
mentre scende su di te l’ombra scura
di questa corta notte,
profumata di primavera odorosa.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 18/05/2011 13:43
    addio grande immensa Dea... molto bella triste ma vera...
  • mauri huis il 13/05/2011 18:51
    bella anche questa, complimenti
  • Donato Delfin8 il 09/06/2009 11:12
    bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0