PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il bambino e l’Ape regina

Venti anni
il mio cuore
non batteva più
era smorto
nelle ipocrisie del mio mondo

la tua mano
mi rialzò
con una bastonata
fra capo e collo

ora in dita leggiadre
popoli
guidi
la mia vita

in anelli di luce

verso il tuo seno materno

nutrendomi
di latte

con il miele in propoli di fiabe mi chiudi aprendomi al mistero di tutti i tuoi più popolari

leggendari Sogni

 

2
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • karen tognini il 05/11/2011 17:19
    Un bambino che non amava questo mondo.. un bambino che poi di colpo ha riscoperto la voglia di vivere...
    Meravigliosa Vincenzo
  • Donato Delfin8 il 09/06/2009 12:27
    bella
  • Anna G. Mormina il 05/06/2009 16:29
    ... certe 'bastonate' a volte servono per farci capire meglio il senso della vita, per non smettere di sognare tutto ciò ch'è bello... anche tornando bambini... stupenda!... bravissimo!!!!
  • Anonimo il 05/06/2009 14:54
    complimenti è molto bella
  • loretta margherita citarei il 05/06/2009 14:49
    favolosa, apetto capitano, lavori e fai miele
  • Vincenzo Scognamiglio il 05/06/2009 12:22
    Bella. Complimenti.
  • Anonimo il 05/06/2009 12:17
    .. ne ha fatta di strada quel bambino.. aprendosi all'incanto della luce
    in un sogno di eternita'
    favolosa

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0