PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A zita.

Bedda ‘du me cori
quannu nun ti vidu
‘u me cori è niro
quannu semu accantu
amu stari attenti ‘ca
ni vidunu i toi
ma pur stari uniti
n’amu a fuiri.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Giuseppe Bellanca il 04/07/2009 22:26
    grazie Anna anche tu sei brava
  • Anna G. Mormina il 04/07/2009 22:18
    ... puru vatri???... cumpareddi di Tanuzzu e Pinuzza siti???
    ... troppo bella... bravoooo!
  • Giuseppe Bellanca il 09/06/2009 17:37
    grazie... grazie... grazie...
  • Donato Delfin8 il 09/06/2009 12:56
    bella
  • Sarah K. il 06/06/2009 09:46
    bedda bedda bedda!!!
  • Dolce Sorriso il 05/06/2009 22:19
    cjhe bella
    si si
    smack
  • Domenico Montaleone il 05/06/2009 21:56
    La famosa fuitina, quanti amori fuggitivi! Però, che bello!!!! Ciao
    Domenico
  • Anonimo il 05/06/2009 17:30
    bella poesia dal sapore antico
  • Cinzia Gargiulo il 05/06/2009 15:59
    Storica fuitina!!!... Talvolta per poter stare insieme è necessario in Sicilia mettere le famiglia di fronte "al fatto compiuto"...
    Bravo Giuseppe!!!
    Un abbraccio...
  • loretta margherita citarei il 05/06/2009 15:50
    piaciuta bedda
  • Anonimo il 05/06/2009 15:50
    bellaaa!!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0